Quantcast

Brava contro camion, muore 42enne

Brava contro camion, muore 42enne. Un’altra tragedia scuote la  provincia di Caserta e la comunità di Mondragone dopo il terribile incidente di  ieri sera
di redazione
2 mesi fa
4 Febbraio 2021

Brava contro camion, muore 42enne. Un’altra tragedia scuote la  provincia di Caserta e la comunità di Mondragone dopo il terribile incidente di  ieri sera. Un sinistro che ha fatto registrare la morte ad un cittadino 59enne deceduto a Pignataro Maggiore.

42enne perde la vita

Stavolta a perdere la vita è stato un 42enne di Napoli, vittima di un sinistro avvenuto nel tratto mondragonese della Domiziana. L’uomo era alla guida di una Fiat Brava che si è scontrata con un camion che procedeva da direzione opposta.

L’urto è stato tremendo: i vigili del fuoco hanno estratto il corpo del 42enne quando ormai non c’era più nulla da fare. Sul posto sono giunti i carabinieri del locale reparto territoriale che hanno provveduto a informare l’autorità giudiziaria.

Intanto, un ragazzo di vent’anni è in stato di fermo per aver accoltellato la madre. L’aggressione è avvenuta questa mattina intorno alle 10.30, nella casa della donna alla periferia di Anzio.

E sarebbe avvenuta al culmine di una lite. A chiamare il 118 è stata proprio la donna, che è riuscita a dare l’allarme nonostante le ferite inferte dal figlio. Portata di corsa in ospedale in codice rosso, le sue condizioni sono gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118, anche i poliziotti del commissariato di Anzio, che hanno fermato il ventenne e lo hanno portato in commissariato. Il giovane, ferito a una mano, è stato medicato in ospedale, al momento si trova in stato di fermo.

Accoltella la madre dopo una lite, arrestato 20enne

Non sono noti i motivi che hanno portato il ragazzo ad accanirsi così brutalmente contro la madre, ferita in diverse parti del corpo con una lama (non si sa se il coltello era già in casa o se il giovane l’abbia portato con lui).

A quanto si apprende, il ragazzo sarebbe in cura presso il Centro di igiene mentale. Questa mattina è andato a casa della madre, con la quale ha cominciato a litigare, per poi cominciare ad accoltellarla. Un’aggressione brutale, che fortunatamente non sembra aver avuto esiti tragici anche se la donna è gravemente ferita.

Indagini sono in corso da parte della polizia per ricostruire quanto accaduto questa mattina, i motivi della lite e i trascorsi tra il ragazzo e la donna, per capire se i rapporti tra i due fossero tesi. Da valutare anche lo stato mentale del ragazzo che, come detto, è in cura presso un Cim.

Ucciso ad Alatri: sconto pena a imputati, 14 anni

Riduzione di pena, nell’ambito del processo di secondo grado, per gli imputati nel processo per la morte di Emanuele Morganti, il ventenne di Tecchiena, deceduto dopo un pestaggio ad Alatri, in provincia di Frosinone.

I giudici della Corte d’Assise di Appello di Roma hanno fissato a 14 anni la condanna per Michel Fortuna, Paolo Palmisani e Mario Castagnacci condannati in primo grado a 16 anni. Quindi per loro vi è stata una riduzione di pena.

Per loro resta l’accusa di omicidio preterintenzionale. I giudici non hanno accolto la richiesta del pg che aveva ipotizzato l’omicidio volontario. I magistrati hanno, inoltre, confermato l’assoluzione per Franco Castagnacci, padre di Mario.

Temi di questo post