Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Coronavirus Campania: i dati di oggi 14 marzo 2022

Pubblicato il 14 Marzo 2022 - 17:43

Coronavirus Campania: i dati di oggi 14 marzo 2022

Coronavirus Campania: i dati di oggi 14 marzo 2022. Questo il bollettino ordinario e giornaliero di oggi emesso dall’Unità di Crisi insediata dall’inizio Pandemia da coronavirus presso al Regione Campania.

I dati sono aggiornati alle 23.59 di ieri. Positivi del giorno: 2.806.  I dati tengono conto dell’Aggiornamento sulle misure di quarantena e isolamento del Ministero della Salute. Il tasso di positività schizza al 18/8%, rispetto al 17,24 registrato ieri.

Di questi sono risultati positivi all’antigenico: 2.479 e positivi al molecolare: 327.  Test: 14.930. Di questi tamponi antigenici: 11.550 e tamponi molecolari: 3.380. I deceduti registrati sono 5 (Nelle ultime 48 ore; 4 deceduti in precedenza ma registrati ieri).

Report posti letto su base regionale

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 631, posti letto di terapia intensiva occupati: 34. Letti di degenza disponibili: 3.160 (Posti letto Covid e Offerta privata.) e posti letto di degenza occupati: 572.

Rincari, De Luca: “Non riempite la dispensa. Ma su benzina servono controlli anti speculazione”

Le lunghe file e la ressa in molti supermercati di Napoli e provincia nel fine settimana, gli scaffali di farina, pasta e olio svuotati in poche ore, secondo il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, sono frutto di una psicosi che non deve dilagare fra i cittadini campani.

Cosa è successo in questi giorni? In molti consumatori si è diffuso il timore,  che – causa guerra in Ucraina –  finiscano con scarseggiare alcune materie prime importanti (cereali, farina, derivati del grano) e, dunque, alcuni prodotti di largo consumo come la pasta.

Risultato: molta gente ha acquistato in massa questo tipo di prodotti generando un effetto emulazione e quindi replicando scene che abbiamo visto due anni fa col primo lockdown da Covid. Commenta De Luca: «Stiamo tranquilli e calmi, lo dico alle persone che si riempiono la dispensa. Io comunque, non ho riempito nulla».

Rincaro benzina, De Luca contro la speculazione

Poi su un altro tipo di aumento e speculazione, quello del prezzo dei carburanti, De Luca è ancora più netto: C’e’ un’onda di preoccupazione  anche sull’aumento dei prezzi, penso alla benzina che arriva a 2,5 euro al litro.

Poi senti in tv che la Russia blocca l’esportazione di grano fino a fine agosto e gli effetti della guerra arrivano alla fornitura della materia prima. Tutto questo crea un’onda di preoccupazione che fino a oggi non c’è, ma se si bloccano i trasporti su gomma, ci saranno problemi.

Ho sentito sulla benzina le dichiarazioni del ministro Cingolani che parla di problemi di speculazione. Allora combattiamoli, perché su barbarie e sciacallaggio nell’usare momenti di crisi per speculare sui prezzi bisogna essere rigorosi e intransigenti.

Continua la lettura