Cronaca

Scarcerazione per Giuliano Petillo

Scarcerazione  per Giuliano Petillo

Scarcerazione per Giuliano Petillo.  Giuliano Petillo, di Benevento, di 59 anni, imputato di detenzione aggravata di stupefacenti ai fini di spaccio, revocando gli arresti domiciliari.

Presunta flagranza reato

In particolare, il Petillo fu tratto in arresto dai Carabinieri di Benevento, il 15 ottobre del 2020, nella presunta  flagranza dello spaccio di un chilo e settecento grammi di sostanza stupefacente, ripartita in 5 panetti.

All’esito dell’udienza il Giudice di primo grado del Tribunale di Benevento, accogliendo in gran parte la tesi degli avvocati Vittorio Fucci ed Antonella Mazzone, aveva inflitto al Petillo la pena di soli due anni di reclusione, concedendogli le attenuanti generiche prevalenti e disapplicando la recidiva specifica reiterata, limitando la responsabilità alla sola detenzione di due dei cinque panetti di sostanza stupefacente sequestrati al Petillo di circa 200 gr. La Pubblica Accusa aveva chiesto la condanna del Petillo a 4 anni di reclusione.

Valle Caudina: donna di Rotondi condannata per stalking

Si è tenuta innanzi al Giudice Monocratico del Tribunale di Avellino , dott. Pierpaolo Calabrese, il processo a carico di una donna, D.D., di 56 anni, di Rotondi, imputata di stalking ai danni di una coppia di coniugi, P.A. e P.A., anch’essi di Rotondi, assistiti dagli Avvocati Vittorio Fucci e Antonella Mazzone. I fatti di reato risalgono agli anni 2015, 2016 e 2017.

Otto mesi di reclusione e risarcimento

All’esito dell’udienza, il Giudice, accogliendo le tersi degli Avvocati Vittorio Fucci e Antonella Mazzone, difensori delle parti civili, nonché quella del Pubblico Ministero, ha condannato l’imputata D.D. , a 8 mesi di reclusione, con pena sospesa, oltre al pagamento delle spese processuali e al risarcimento dei danni in favore delle parti civili.

Un kg di coca, per un valore di 400mila euro, sotto il sedile

Detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, con l’aggravante dell’ingente quantitativo: è questa l’accusa di cui dovrà rispondere un 49enne di Napoli, arrestato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Avellino, che hanno operato congiuntamente e in piena sinergia con i colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia.

Avellino ovest

L’uomo, alla guida di una Mercedes, è stato fermato da una pattuglia durante un ordinario controllo alla circolazione stradale, poco dopo essere uscito dal casello autostradale di Avellino Ovest.

L’atteggiamento sospetto manifestato dall’automobilista all’atto del controllo, ha indotto i militari ad approfondire l’accertamento.I sospetti avuti dagli operanti hanno trovato conferma quando, nel corso della perquisizione, sotto al sedile è stato rinvenuto un involucro contenente oltre un chilo di cocaina.

Il 49enne, le cui responsabilità sono state acclarate in seguito alle prime analisi di laboratorio, è stato dichiarato in arresto e, dopo le formalità di rito, condotto alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino a disposizione della Procura della Repubblica di Avellino.

Si stimano in oltre 5000 le dosi ricavabili dalla sostanza sequestrata, per un valore commerciale al dettaglio sulla piazza avellinese calcolato in circa 400mila euro.


ilcaudino.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it