Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Massimo Fusi travolto ed ucciso da un tronco

Pubblicato il 14 Marzo 2023 - 9:46

Massimo Fusi travolto ed ucciso da un tronco

Massimo Fusi travolto ed ucciso da un tronco. Aveva già abbattuto gli alberi e stava tagliando i rami a un grosso tronco quando è rimasto travolto. Sembra essere stata questa la dinamica dell’infortunio che nella tarda mattinata di ieri ha ucciso un uomo di 54 anni.

E’ successo nei boschi sopra la strada che da Cerreto porta a Riccomassimo, nel territorio di Bagolino, in provincia di Brescia, in Valsabbia. Si chiamava Massimo Fusi ed era di Bagolino.

Con Massimo Fusi c’era il figlio che ha dato l’allarme. Purtroppo i soccorsi arrivati dal cielo col l’eliambulanza decollata a Sondrio e via terra con gli uomini del Soccorso Alpino della valle Sabbia e i Vigili del fuoco trentini di Storo, sono stati inutili.

Al medico elitrasportato non è rimasto altro da fare che constare la morte di Massimo Fusi. La salma è stata ricomposta nell’obitorio della casa di Riposo di Bagolino.

Docente bresciano trattenuto in Nepal: “Non ho fatto nulla”

Era partito dall’Italia il 31 gennaio per un lungo viaggio tra India e Nepal che sarebbe dovuto terminare il 6 marzo. È invece rimasto in Nepal, trattenuto dalle autorità locali, il 27enne bresciano Tiziano Ronchi, docente di Arti visive dell’accademia Santa Giulia in città dove ha la cattedra in Decorazione.

Ora si trova in ospedale, per patologie pregresse, dopo aver passato alcune ore in carcere. «Sta bene, è provato, ma non ha segni di maltrattamenti» racconta la madre in costante contatto con la Farnesina che sta seguendo la vicenda del nostro connazionale. Ronchi è accusato di aver raccolto dei resti archeologici nell’area di un tempio in Nepal.

«Sono state cambiate cinque o sei volte le accuse» racconta la madre in attesa di avere chiarezza e che vive con comprensibile angoscia la situazione. Per il Consolato italiano in India – in Nepal infatti non è presente – si tratterebbe di un grande fraintendimento in cui è rimasto vittima il bresciano.

Nel momento in cui è stato fermato, Ronchi aveva addosso un coltellino che aveva utilizzato per affrontare alcuni giorni prima – in solitaria – il circuito Annapurna, uno dei percorsi di trekking più affascinati del mondo. Oggi potrebbe essere un giorno decisivo per sbloccare la situazione del docente.

Il console Gianluca Rubagotti ha fatto visita ieri a Tiziano Ronchi all’ospedale di Katmandu, dove è stato condotto dopo il fermo a seguito di una richiesta avanzata dal legale che il consolato ha trovato per lui, trovandolo in discrete condizioni di salute.

Continua la lettura