Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Montesarchio si dota di un parco giochi senza barriere

Pubblicato il 31 Agosto 2021 - 13:05

Montesarchio si dota di un parco giochi senza barriere

Montesarchio si dota di un parco giochi senza barriere. Sarà inaugurato domani, 1 settembre, alle ore 9 in via Eduardo De Filippo a Montesarchio (Benevento), il parco per i “giochi senza barriere” allestito nell’ambito della Summer School “Edu. Co.”, selezionata dall’impresa sociale “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Più sinergie in campo

L’iniziativa è il frutto della sinergia tra la cooperativa sociale “Nuovi Incontri” , la Fondazione Caporaso, l’Ambito sociale B3, gli istituti scolastici (l’I. C. “Enrico Fermi” di Montesarchio e l’I. C. “Ilaria Alpi” di Montesarchio, l’I. C. “Sant’Agata 2” di Sant’Agata dei Goti), e l’Università del Sannio quale ente valutatore.

Il programma di domani prevede l’intervento del presidente del coordinamento istituzionale dell’Ambito B3, Antonio De Mizio e della coordinatrice del progetto, Maria Fanzo. A seguire, il percorso ludico motorio. I giochi termineranno alle ore 12.

Valle Caudina: il rito sacro della conserva di pomodori

Cinque lire ogni bottiglia riempita. Se riuscivi a farne venti, ti assicuravi uno splendido pomeriggio di fine estate, condito da partite a flipper o al biliardino e potevi arrivare anche in via Roma per comprare il gelato o la granita da Micione.

La fatica di riempire

Ma che fatica riempire quelle bottiglie di pomodoro a spicchi. Ti bruciavano le dita e prima di ottenere il via libera, dovevi passare l’esame di una severa matrona, per la quale la bottiglia, generalmente, quella di una gassosa o della Fanta, non era mai piena abbastanza.

Secondo lei, bisognava spingere ancora di più. Non si è mai capito come ma lei era certa che ci fosse ancora spazio. Quello delle bottiglie di pomodoro a spicchi era una delle fasi di qualcosa che è andato scomparendo, negli ultimi venti anni.

Parliamo della conserva dei pomodori, una sorta di istituzione in tutte le nostre case, scandita da regole ben precise. Proprio dopo il Ferragosto scattava questo periodo molto particolare. I pomodori arrivavano dalla campagna ed iniziava la prima fase.

La prima fase

Dovevano essere ben lavati e lasciati ancora qualche giorno a maturare. Quando erano arrivate alla giusta maturazione, il pomeriggio prima si passava al lavaggio delle bottiglie, con acqua fredda e soda. A quel punto, la sera a letto presto, perché la sveglia sarebbe suonata prima dell’alba.

Non si è mai capito perché si dovesse iniziare tanto presto, ma non erano ammesse discussioni. Quel lavoro impegnava tutta la famiglia e non solo. Partecipavano, infatti, anche tutte le vicine, tanto da stabilire una sorta di calendario per queste incombenze.

C’era chi pensava al fuoco, chi ad inserire il basilico nelle bottiglie, anche quello ben lavato, chi passava i pomodori con la macchinetta a manovella e chi riempiva le bottiglie di salsa. Era una vera e propria catena di montaggio, dove tutti avevano compiti ben precisi.

La guida inflessibile

E tra loro c’era sempre una matrona che guidava, come un inflessibile direttore di orchestra. Ai piccoli, era affidato il compito di non dare fastidio e di riempire le bottiglie a spicchi. Fatto questo, le bottiglie venivano riposte in grandi bidoni e sotto si accendevano grandi fuochi.

Bisogna dire che nel riporre le bottiglie, sotto voce, venivano pronunciate frasi segrete per allontanare il malocchio. Frasi che pronunciava la donna più anziana, mentre le più giovani, rigorosamente di nascosto, la prendevano in giro.

Peperoni e pannocchie

Quando il fuoco diventava brace, spuntavano peperoni e pannocchie da arrostire. Dopo circa 24 ore che le bottiglie erano rimaste nel calderone,venivano estratte ad una ad una e si contavano quelle che si erano rotte.

C’è ancora chi continua nel perpetuare questo rito, in tutti i comuni della Valle Caudina. Addirittura, tante persone, tornate al paese per un periodo di vacanza, ritornano a casa, con la macchina piena di conserva. Ma, il minore consumo ed anche una certa pigrizia ha reso meno praticato questo rito ed è un vero peccato.

Continua la lettura