Attualità

Salute Estate: il decalogo del benessere maschile per le vacanze

di  Redazione  -  2 Agosto 2019

Salute Estate. Dieci regole per un’estate all’insegna del benessere maschile. A dettarle è la Fondazione Pro, unica Fondazione italiana dedicata esclusivamente alla salute dell’uomo, presieduta dall’urologo Vincenzo Mirone.

“Le vacanze – commenta Mirone – offrono l’occasione perfetta per consentire all’uomo di prendersi cura di sé. L’allontanamento dalla quotidianità e dai suoi ritmi favorisce una più attenta riflessione sul tema della prevenzione, ancora troppo distante dall’universo maschile. Settembre rappresenta   il mese del buoni propositi, agosto  quello perfetto per pianificarli, partendo proprio da una visita di controllo con il proprio urologo di riferimento.

La prevenzione è un percorso lungo,che spazia da una dieta equilibrata al contrasto alla sedentarietà sul luogo di lavoro. Da qui l’idea di un breve decalogo per prepararsi ad affrontare il rientro dalle vacanze con una marcia in più”.

Le regole d’oro della salute maschile

1 -NO STRESS. Allontana le fonti di stress. Le vacanze rappresentano il momento fondamentale per riposare sia il fisico che la mente. Non portare il lavoro in vacanza.

2 -MOLTA ACQUA. Bevi almeno 2 litri di acqua al giorno. L’idratazione è un forte  alleato della salute maschile. L’acqua aiuta a diluire l’urina contrastando la formazione di calcoli urinari. Ideale è bere tanta acqua fino a un’ora prima di andare a letto.

3 – A TAVOLA FRUTTA, VERDURA, PESCE AZZURRO. Mangia alimenti ricchi d’acqua e di sostanze antiossidanti. L’alimentazione riveste un ruolo di primo piano nella salute e nella prevenzione. A tavola scegli frutta e verdura di stagione in quantità. I pomodori maturi sono ricchi di licopene, antiossidante come i flavonoidi del cacao. Pesce azzurro e salmone, ricchi si omega 3 non possono mancare sulla tavola dell’estate. Per il benessere sessuale fanno bene tra gli altri anche il miele, l’avena e naturalmete i frutti di mare ma questi ultimi con moderazione (non solo ostriche, ma vongole, cozze e così via).

4 – SESSO PROTETTO. Attento alle malattie sessualmente trasmissibili. In estate non abbassare la guardia, utilizza sempre il preservativo.

5 – PROTEGGI IL CUORE. Il caldo aumenta il rischio cardiovascolare. Non esporti al sole nelle ore più calde, indossa abiti leggeri di cotone o fibre naturali, possibilmente chiari, e un cappello.

6 – LO SPORT, SENZA FRETTA. Fai sport. Se non lo fai abitualmente, approfitta delle belle giornate per iniziare – in maniera graduale – un programma di attività fisica da portare avanti anche in autunno.

7 – PER CHI LAVORA MOLTE PAUSE E POCO SOLE. Proteggiti dal rischio di uno stress termico se sei al lavoro. Bevi molto e utilizza sul lavoro abiti di cotone, traspiranti, di colore chiaro. Lavora nelle zone meno esposte al sole e fai delle pause per riposarti in aree fresche.

8 – STOP AL FUMO. Riduci il consumo di nicotina. Inizia a ridurre le sigarette fumate nell’arco della giornata con l’obiettivo di eliminarle del tutto dalla tua quotidianità. Il fumo, infatti, è direttamente legato all’insorgere di patologie tumorali che interessano vescica e polmoni. E non fa bene neanche al sesso.

9 – ATTENZIONE AD ALCOL E BEVANDE ZUCCHERATE. Attento al consumo di alcolici e di bevande zuccherate. Se un bicchiere di vino rosso è alleato della salute del cuore, non è così per la birra, i superalcolici e per le bevande zuccherate. Si tratta di bevande ipercaloriche che, a lungo andare, possono avere effetti molto negativi sulla salute maschile. Un eccessivo consumo di alcol può danneggiare diversi organi tra cui cervello, fegato, stomaco e cuore. Il consumo eccessivo di bevande zuccherate rallenta la microcircolazione periferica e può rendere più difficile l’erezione, oltre a contribuire ad alterare gli spermatozoi.

10 – CHECK PRIMA DI PARTIRE. Non bisogna mai sottovalutare soprattutto negli “over 60” i segnali del corpo e le disfunzioni sessuali che possono essere campanello d’allarme per diverse condizioni cliniche come le patologie cardiovascolari. Ideale sarebbe effettuare un check prima delle partenze. (Foto da Web)