Quantcast
Attualità

San Martino Valle Caudina: la nuova Pro Loco, Paola Pisaniello presidente

di  Redazione  -  28 Febbraio 2020

Dopo le elezioni tenutesi domenica 23 febbraio 2020, nasce il nuovo Consiglio Direttivo della Pro Loco di S. Martino Valle Caudina (AV).
Le elezioni hanno cambiato il volto dell’associazione chiamando a far parte del nuovo consiglio un solo membro del vecchio nella persona di Lucia Supino.

Il nucleo storico, tuttavia, è rappresentato anche da Maddalena Morcone che è stata eletta nel gruppo dei Revisori dei conti.

L’ingresso di tre giovani, che negli anni scorsi hanno collaborato alle iniziative della Pro Loco, anche attraverso il Servizio Civile, fa ben sperare nel futuro di un’associazione dal glorioso passato che si appresta, nel 2022, a celebrare i suoi 50 anni vita.

Il nuovo Consiglio Direttivo è formato da :
1. Pisaniello Paola, presidente
2. Ceglia Alessio, vicepresidente
3. Cecere Mihail Romeo, consigliere
4. Navarra Francesco, consigliere
5. Supino Lucia, consigliere
6. Massaro Maria Grazia, tesoriere
7. Pisaniello Pasquale, segretario
Il Gruppo dei Revisori dei conti è formato dal presidente Ricci Gennaro e dai consiglieri Morcone Maddalena e Pisaniello Annalisa

Il nuovo presidente e il direttivo ringraziano di cuore per l’impegno e la passione dimostrati in tutti questi anni, il presidente uscente Pisano Domenico e tutti i membri del passato direttivo, auspicando che l’esperienza da loro maturata possa essere ancora di aiuto per il cammino che i nuovi eletti stanno per iniziare.

La Pro Loco, dal canto suo, continuerà ad impegnarsi sostegno della tradizione, del territorio e della cultura con iniziative il più possibile puntuali e precise, coinvolgendo tutte le associazioni e le agenzie educative che operano sul territorio.

L’augurio, che si fa certezza, è che la collaborazione tra i nuovi eletti ed i membri con maggiore esperienza possa dare luogo ad una sinergia tale da essere per la Pro Loco fonte di un rinnovato entusiasmo per affrontare le sfide che un’associazione, così radicata sul territorio, deve essere capace di affrontare.