Quantcast

Valle Caudina: arrivano le prime sanzioni per la visione illegale dei canali Sky, multe sino a 25000 euro

di redazione
2 anni fa
24 Ottobre 2019

Valle Caudina. Ancora qualche ora e le conseguenze della visione a scrocco di film, partite e serie, saranno note in tutta la loro durezza. Sono già state disposte infatti le prime sanzioni per gli utilizzatori finali del pezzotto. La Guardia di Finanza è riuscita a rintracciare i flussi, anche per gli utenti che hanno cancellato la cronologia.

A svelare l’arrivo della stangata è l’amministratore delegato della Lega Serie A Luigi De Siervo che in un intervento in radio ieri ha anche parlato della lotta alla pirateria: “C’è un grosso giro di soldi dietro il cosiddetto ‘pezzotto’. Questo è un Paese in cui ciascuno deve fare la propria parte, continuare ad andare avanti con questa forma di consumo è da stupidi. Nelle prossime ore usciranno anche le multe per tantissimi utenti da 2.500 a 25.000 euro a persona. E’ una pena pesante per chi consuma contenuti in questo modo.”

“Il consumo digitale di prodotti illegali lascia un’impronta che dà la possibilità di ricostruire al contrario il flusso del file consumato, dunque restano tracce indelebili. Non è che cancellando la cronologia si riescono a nascondere le tracce, si risalirà e basta”, ha aggiunto De Siervo spiegando il metodo con cui le fiamme gialle hanno rintracciato gli ex abbonati al pezzotto.

La sentenza della Corte di Cassazione numero 46443/2017 fa giurisprudenza in materia: i giudici hanno infatti inflitto una pena a quattro mesi di reclusione e 2.000 euro di multa per un utente che vedeva Sky in modo illegale col pezzotto. La legge vigente stabilisce che chi si rende colpevole della visione dei canali in modo illegale rischia da 2.582,29 a 25.822,26 euro di multa e da sei mesi a tre anni di reclusione.

Temi di questo post