Quantcast

Valle Caudina: gli abilitati in Romania possono insegnare in Italia

Valle Caudina: gli abilitati in Romania possono insegnare in Italia. Con la sentenza pubblicata oggi e discussa in data 14 gennaio 2021
di redazione
3 mesi fa
21 Gennaio 2021

Valle Caudina: gli abilitati in Romania possono insegnare in Italia. Con la sentenza pubblicata oggi e discussa in data 14 gennaio 2021 il Consiglio di Stato, sez. 6, relatore Consigliere  Sabatino, Presidente consigliere . De Felice Sergio, si mette la parola fine all’odissea che ha visto centinaia di abilitati vittime di un provvedimento del Ministero dell’istruzione dell’Università del 2 aprile 2019.

Il MIUR non riconosceva il titolo di abilitazione dell’insegnamento conseguito in Romania per centinaia di abilitati. In questo caso si tratta di assistiti dell ‘avvocato Dimitri Monetti, assistente di Diritto Amministrativo presso l’ Università degli Studi del Sannio con il Prof Di Modugno.

Nota del direttore generale del ministero

In conseguenza di detta Nota firmata dal Direttore Generale del ministero, gli abilitati sono stati depennati dalla graduatoria degli Istituti scolastici perdendo la chance dell’insegnamento. Già lo scorso anno, queste persone conseguirono una prima vittoria.

L’avvocato Monetti ottenne la sospensiva degli effetti con una  sentenza del Tar Lazio. Oggi il Consiglio di Stato accoglie definitivamente il Ricorso proposto dall’ avvocato  Monetti contro il MIUR. L’Avvocatura dello Stato rappresentava il Ministero.

Il Consiglio di Stato  riconosce la natura abilitante del titolo conseguito in Romania. Queste persone potranno tornare in cattedra. Tra di loro, molti caudini beneficeranno del provvedimento positivo.

Risarcimento danni

Tra i ricorrenti, infatti, figurano persone di Cervinara, Airola e Montesarchio. Dopo aver ottenuto questo successo, il Miur potrebbe essere chiamato ad un risarcimento di danni per ogni singolo ricorrente.  Come detto, infatti, molte di queste persone hanno subito dei danni.

Valle Caudina: gli abilitati in Romania possono insegnare in Italia

Una vicenda che si è protratta per quasi due anni ed ora vede una  felice conclusione. La sentenza, infatti, assicura un futuro nella scuola a tutte queste persone . Si tratta di gioovani che avevano ottenuto l’abilitazione in Romania. Un’ablitazione all’insegnamento, ora valida anche in Italia.

Insomma, queste persone ora possono fare concreti progetti di vita e progettare il futuro su basi veramente solide.

Temi di questo post