Word of Sport

Cervinara: al via le domande per i buoni libro

Il lavoro serio paga sempre
sei in  Cervinara

3 settimane fa - 8 Ottobre 2021

Cervinara: al via le domande per i buoni libro. L’assessore ai servizi sociali del comune di Cervinara Raffaella Cioffi rende che è stata pubblicato sull’albo pretorio del comune di Cervinara l’avviso per richiedere i buoni libro per l’anno 2021.

Domande entro il 5 novembre

È possibile presentare le domande entro il giorno 5 novembre 2021 presso la segreteria dell’istituto scolastico frequentato. Sarà possibile ritirare il modulo per la presentazione delle domande presso la segreteria della scuola di appartenenza o presso l’ufficio pubblica istruzione, sito al primo piano del comune di Cervinara.

Potranno accedere alla domanda le famiglie che presentino il seguente Isee: Fascia 1 da 0 a 10.633,00 Fascia 2 da 0 a 13.300,00. Buona giornata .

Come si vede l’assessore Cioffi continua a lavorare in uno di quei ruoli delicatissimi per la vita sociale di Cervinara. Qualche giorno fa ha dato notizia che, a breve, alcuni percettori del reddito di cittadinanza inizieranno a lavorare per otto settimanale a favore del comune.

Cervinara: il pasticciaccio della Tari che il sindaco non risolve

Le famiglie meno abbienti di Cervinara dovevano avere già la Tari abbassata, al minimo. Almeno questo aveva scritto in diversi comunicati la prima cittadina di Cervinara.

Scritti da lei e da noi riportati, mentre agli studi professionali, alle agenzie e agli uffici, finalmente, dopo le denunce de Il Caudino la stessa tassa viene abbassata.

Aumento del 35 per certo

Del resto, a queste categorie l’aumento del 35 per cento della Tari era stato fatto all’insaputa del sindaco di Cervinara. Almeno così sembra a sentirla. In realtà, la stessa prima cittadina è costretta a tornare clamorosamente indietro, dopo i distinguo del suo vice Tangredi e dell’assessore Cioffi.

Torna indietro e cerca di scaricare su quei due reprobi e peccatori tutte le colpe. Tornando indietro, però, a parte il parlare forbito non fa altro che aumentare la confusione e il pasticciaccio sulla Tari che lei ha creato. Quando parla di collegialità dimentica di essere il sindaco.

Per abbassare le quote di alcune utenze domestiche, quelle delle famiglie più bisognose, infatti, deve usare i 149mila euro che il governo ha stanziato per loro.  Se lei non avesse aumentato la Tari, tutta la somma poteva essere usata per altro. Questo lo sa, lo sa bene e naturalmente non lo dice.

Il complotto e la revoca

Come non dice tanto altro. Poi, visto che accusa apertamente di complotto vice sindaco a assessore perché non li revoca? Che senso ha tenerli ancora in giunta?  Del resto alle riunioni di giunta non li invita neanche.

Faccia chiarezza la prima cittadina. Ma la faccia sul serio. Le mezze verità non servono a nessuno, di certo non servono al paese. Cervinara l’ha eletta con un larghissimo suffragio. Ma è trascorso più di un anno e, a parte, parole forbite e selfie il paese attende ancora di vederla all’opera seriamente.

Ad ogni annuncio segue un distinguo, mentre i problemi si accumulano. E si accumulano proprio per quelle fasce sociali a cui dovevano andare i 149 mila euro del governo, parte dei quali andranno per pagare l’aumento della Tari.

Cervinara: al via le domande per i buoni libro
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cervinara Condividi adesso