Quantcast

Emergenza covid: aumentano i ricoveri al Cardarelli, si teme la terza ondata

mergenza covid: aumentano i ricoveri al Cardarelli, si teme la terza ondata. “Sono in aumento i pazienti positivi al Covid che si presentano al Pronto soccorso
di redazione
2 mesi fa
16 Gennaio 2021

Emergenza covid: aumentano i ricoveri al Cardarelli, si teme la terza ondata. “Sono in aumento i pazienti positivi al Covid che si presentano al Pronto soccorso. Registriamo sia arrivi di persone già positive per complicanze della terapia sia pazienti che invece intercettiamo qui da noi”.

A parlare è  Fiorella Paladino, responsabile dell’area d’urgenza dell’ospedale  Cardarelli di Napoli. La dottoressa fa un’esatta  fotografia di quanto sta avvenendo in queste ore in Campania.

” Abbiamo anche giovani e giovanissimi , aggiunge,  ma i casi più critici restano quelli degli anziani. Dobbiamo stare ancora molto attenti e non rilassarci solo perché è iniziata la somministrazione dei primissimi vaccini.

Siamo ancora lontani da raggiungere l’immunità di gregge e dallo stare sereni. L’essere collocati in fascia gialla è anche un merito, ma dobbiamo essere molto prudenti e non rilassarci”.

Allarme in corsia

Ma è già allarme nelle corsie del principale ospedale del Mezzogiorno dove si contano positivi al Covid ricoverati anche sulle barelle, con una media di sette lettighe in ogni zona Coronavirus.

” Stiamo vivendo la stessa drammatica situazione di inizio ottobre, denuncia uno pneumologo,  c’è un chiaro aumento di ricoveri nei reparti e la situazione è critica. Per fortuna lo stesso non sta avvenendo per le terapie intensive. Ho l’impressione che la terza ondata sia già arrivata e rischia di travolgerci”.

Stato di ” allerta” anche all’ospedale Cotugno dove da giorni cresce l’afflusso di pazienti Covid. ” Pur non essendo certo in una situazione di affollamento, afferma il direttore generale dell’azienda Colli, Maurizio Di Mauro , stiamo riscontrando un aumento costante degli accessi al pronto soccorso del Cotugno “.

Feste natalizie

Di Mauro non ha dubbi sull’origine di questa nuova “pressione”: ” Sono casi riconducibili a contagi risalenti al periodo delle feste di Natale. Mai come in questo momento sono sempre necessari la prudenza e il rispetto delle regole: mascherina, lavaggio delle mani e distanziamento ” .

La situazione si presenta così in tutti gli ospedali della Campania. Al momento, non si riscontrano intasamenti nelle terapie intensive. Si tratta certamente di una buona notizia. Ma quanto tempo durerà?

Temi di questo post