Attualità

Mega miliardario regala vincita da 20 mila euro

Mega miliardario regala vincita da 20 mila euro

Mega miliardario regala vincita da 20 mila euro. Bella vincita al tabacchi ‘Gigino’ di via Roma Arienzo (piazza Valletta), 20 mila euro con uno dei classici dei Gratta e Vinci, il Mega Miliardario da 10 euro. E’ successo stamattina a trionfare un cliente che acquista ogni tanto proprio questa tipologia di tagliando, del posto, sui 45 anni.

Grande soddisfazione

Ha grattato proprio all’interno del tabacchi e ha urlato tutta la sua soddisfazione, ora è andato ad avviare la procedura per intascare il malloppo. Grande soddisfazione   anche per il titolare del tabacchi, Angelo Migliore e i suoi familiari: “Non conosco il nome del vincitore, spero che ne abbia bisogno, siamo contenti per lui”. L’esercizio è dedicato al nonno che si chiamava Gigino ed era uno storico tabaccaio di piazza Lettieri.

Bonus di 600 euro per le bollette, chi può richiederlo

Il cosiddetto bonus bollette” è stato previsto dal decreto Aiuti bis all’articolo 12, e potrà tornare particolarmente utile considerando che le bollette nei prossimi mesi aumenteranno del 59%.

Si tratta di un fringe benefit, cioè di un “beneficio accessorio” offerto da un’azienda ai propri dipendenti, come il buono pasto o lo sconto sui propri prodotti. Esiste già, applicato alle bollette, ma è stato aumentato e si applica in modo leggermente diverso.

Ecco come funziona

Una forma più leggera di “bonus bollette” esiste già ed è prevista dal Testo unico delle imposte sui redditi: tra le altre cose, questo Testo unico prevede che un’azienda possa dare al proprio dipendente i soldi per pagarsi le bollette di acqua, gas e luce, entro la soglia di 258,23 euro in un anno.

Questi soldi non sono soggetti a contribuzione, quindi non aumentano la pensione, né a prelievo fiscale, quindi arrivano netti in busta paga e non possono essere tassati, mentre per l’azienda che li eroga sono completamente deducibili.

A chi spetta e come funziona il bonus bollette da 600 euro

Con il decreto Aiuti bis, la soglia del bonus è stata alzata a 600 euro all’anno, solo per il periodo d’imposta 2022. Il costo previsto, per le tasse dello Stato, sarebbe di 81,9 milioni di euro.

La modalità resta la stessa. Il bonus è rivolto ai lavoratori e le lavoratrici dipendenti, senza altri particolari requisiti o tetti di reddito da rispettare. Il dipendente deve fornire la documentazione che dimostra l’utilizzo di quella somma, ovvero la bolletta.

Il pagamento

Non importa se questa è superiore alla soglia dei 600 euro annuali, e quindi l’erogazione dell’azienda non la copre completamente con il bonus. Per il pagamento, poi, l’azienda può procedere in due modi.

Rimborsando le spese in busta paga, dopo aver ricevuto le fatture che quantificano il costo delle bollette, oppure pagando direttamente i fornitori di acqua, gas e luce. La seconda soluzione, per quanto sia prevista dalla legge, appare più macchinosa.

Come è erogato il bonus bollette

Il bonus bollette non è un obbligo, sta alle singole aziende decidere se fornirlo ai suoi dipendenti. Nel caso, starà all’azienda comunicare con i propri dipendenti per ricevere la documentazione necessaria.

Sostanzialmente, le bollette da pagare, per poi procedere all’erogazione del benefit, fino a un massimo di 600 euro per ogni dipendente, considerando che questa somma andrà poi a ridurre l’imponibile fiscale della società.

Una importante differenza

Rispetto a quanto previsto finora dal Testo unico delle imposte sui redditi, c’è una importante differenza. Il Testo unico, infatti, indica che se il valore del bonus erogato dall’azienda supera la soglia prevista, allora questo perde la caratteristica di beneficio accessorio e “concorre interamente a formare il reddito”.

Perciò diventa tassabile sia per l’azienda che per i dipendenti. In questo caso, invece, non solo la soglia è alzata a 600 euro per l’anno, ma se l’erogazione dell’azienda dovesse superare questa cifra, solo l’eccedenza rispetto ai 600 euro sarà soggetta a tassazione.

Ci sono due punti, invece, che sono ancora da chiarire, e che per ora sembrerebbero limitare l’impatto del cosiddetto bonus. Innanzitutto, non è ancora chiarito se il beneficio accessorio sarà disponibile anche per coloro che percepiscono redditi assimilati al lavoro dipendente, come i collaboratori coordinati e continuativi (co.co.co.).

In più, non è previsto esplicitamente dal decreto Aiuti bis che il bonus bollette si possa applicare anche se le bollette sono intestate al coniuge, o a una persona convivente, del lavoratore dipendente.