Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Note per la Shoa al Museo Irpino- Carcere Borbonico

Pubblicato il 24 Gennaio 2023 - 18:12

Note per la Shoa al Museo Irpino- Carcere Borbonico

Note per la Shoa al Museo Irpino- Carcere Borbonico. Note per la Shoah ” è l’appuntamento di Venerdì 27 gennaio, alle ore 17.30 presso l’Auditorium del Museo Irpino-Carcere Borbonico di Avellino, che ricorderà uno degli avvenimenti più violenti e toccanti della storia dell’umanità attraverso un suggestivo connubio tra musica e poesia.

Colonne sonore dei film

L’Ensemble di flauti del Conservatorio Statale “Domenico Cimarosa” di Avellino, diretta dal M° Salvatore Rella, eseguirà brani tratti da colonne sonore di alcuni dei più emozionanti film sul tema dell’Olocausto e non solo.

Si inizierà con L’Italiana in Algeri di Gioacchino Rossini,  Adagio di Benedetto Marcello e Gabriel’s oboe di Ennio Morricone, per proseguire con il Coro delle Zingarelle e dei Mattadori tratto da La Traviata di Giuseppe Verdi,  John Williams con Schindler’s List,  Dmitri Shostakovich con Suite for orchestra n. 2 e terminare con La Vita è Bella di Nicola Piovani.

Le musiche saranno accompagnate dalla lettura di brani tratti dalle testimonianze di tre  donne, le quali, ancora bambine, hanno vissuto in prima persona la violenza inaudita e incomprensibile dell’evento più tragico della storia del ‘900: Liliana Segre e le sorelle Andra e Tatiana Bucci. Le letture saranno a cura di Angela Caterina del Teatro d’Europa.

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno per commemorare le vittime dell’Olocausto. Si è stabilito di celebrare il Giorno della Memoria ogni 27 gennaio perché in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

L’evento, ideato e promosso dalla Provincia di Avellino con il Coordinamento Tecnico- Scientifico del Museo Irpino e della Biblioteca “S. e G. Capone”, rappresenta un’occasione per sensibilizzare la comunità su un tema ancora troppo attuale e riaffermare il ruolo della cultura e della bellezza nel contrastare qualsiasi forma di violenza e discriminazione. Ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili.


Condividi adesso


Continua la lettura