Quantcast
Attualità

Valle Caudina, Club Inner Wheel, Donne in azione: Caterina Bove e Bruna Marro

di  Redazione  -  19 Giugno 2020

Valle Caudina, Club Inner Wheel, Donne in azione: Caterina Bove e Bruna Marro. Una videoconferenza interessante e ricca di spunti di riflessione, si è tenuta sulla piattaforma Zoom, a conclusione del governatorato dell’airolana Caterina Narullo Bove, alla guida del Distretto 210 Italia Innerwheel, per l’anno 2019-2020.

La governatrice ha incontrato le presidenti dei club e le socie, organizzando un incontro sul tema distrettuale “Donne in azione: insieme possiamo”.  Un’occasione di saluto virtuale, di ringraziamento per l’impegno e le attività svolte dai club, ma anche di riflessione sul filo conduttore che ha legato le azioni delle socie durante l’anno appena concluso: l’autostima e la resilienza nelle donne.

Dopo i saluti iniziali della segretaria, Elena Antonacci, la Governatrice Caterina Narullo Bove ha letto una breve relazione. “Ho voluto questo incontro, non per mero dovere istituzionale, ma perché ho avvertito il bisogno dettatomi dal cuore di rapportarmi con voi tutte attraverso questa piattaforma – ha esordito – Il Covid 19 ha interrotto, ma per fortuna non annullato, il nostro percorso.

Siamo “Le Donne in Azione” e non ci siamo arrese. Non sono mancati gli eventi culturali ed artistici che vi hanno permesso di continuare i progetti previsti dalle vostre programmazioni e che, nel limite del possibile, ho seguito volentieri attraverso i vostri inviti.

Prima dell’emergenza sanitaria, ho avuto la possibilità di conoscere le vostre realtà e l’impegno che profondete per migliorarle. Avete onorato la nostra associazione partecipando ai service organizzati a tutti i livelli non facendo mai mancare la vostra presenza e i vostri contributi”.

Abbattere le barriere di genere

L’incontro, moderato dalla giornalista de “Il Mattino”, Jusy Iuliano, è stato arricchito dalla presenza di Bruna Marro, cervinarese, una donna che, con le due capacità umane e professionali, è riuscita, tra l’altro, ad abbattere le barriere di genere, entrando in un contesto finora riservato a soli uomini. Bruna Marro, infatti, è l’unica donna, membro laico, del Comitato per gli Studi Superiori di Teologia e di Scienze Religiose, nell’ambito della Conferenza Episcopale Italiana, in cui è entrata a far parte, per i suoi meriti scientifici, per le sue competenze e per le sue spiccate doti morali.

La dottoressa Marro, quarantun’anni, laureata in legge presso la LUMSA di Roma, è avvocato e attualmente dirige le segreterie della stessa università dove ha conseguito il titolo accademico. In videoconferenza ha parlato dell’autostima nel suo percorso di crescita, “del dono di avere una famiglia e dei maestri la cui presenza è stata determinante nel raggiungimento dei traguardi, nella vita privata e professionale”.

Ha spiegato, raccontando anche aneddoti personali, ”l’importanza della concretezza e della preparazione affinché le donne possano perseguire i propri obiettivi”; e ha invitato chiunque abbia momenti di sconforto o di debolezza nel procedere lungo la strada dei propri sogni, a mettere in campo “la forza e la determinazione tipiche delle donne” e a credere nei “piccoli passi possibili” per raggiungere i risultati. Ha affascinato con utili riflessioni sulla fede in Dio, elemento fondamentale nelle sfide della vita.

Al termine del suo intervento, si è aperto un interessante dibattito

Poi, la Governatrice ha proclamato la vincitrice del Premio Donna Innerwheel 2020. La quindicenne Angela Sara Ciafardoni, dall’età di otto anni, costretta a combattere contro una malattia invalidante. Si è dimostrata già influencer, autrice, blogger di successo; nonostante la sua giovanissima età, dando vita ad azioni, progetti e realizzazioni di notevolissima rilevanza umana e sociale.

Nel 2017 ha creato il sito web ”La lettrice sognatrice” dove recensisce libri di Case editrici come Mondadori, La Fazi o Garzanti; aiutando alcuni scrittori ed autori ad emergere. All’età di nove anni ha scritto il suo libro. “Io, Sara, dalla A alla Z” edito da Enter; e a settembre 2019 ha pubblicato con edizioni Terra Santa il suo primo romanzo “Con tutto l’Amore che so“.

Momento emozionante è stata la telefonata in diretta di Sara. Un brivido generale di emozione ha percorso il cuore di tutti i partecipanti.