Attualità

Valle Caudina, vergogna continua

di  Il Caudino  -  29 Luglio 2014

Da 29 giorni la farmacia del poliambulatorio dell’Asl di Cervinara è chiusa. Da 29 giorni persone che lottano contro gravi malattie, come le neoplasie, sono costrette a recarsi ad Avellino per ritirare medicinali fondamentali per le loro cure. Da 29 giorni la cosidetta società civile dei quattro comuni della Valle Caudina irpina tace. Restano in silenzio tutti, medici, sacerdoti ed associazioni. Nessuno ha il coraggio di mettersi a fianco di questi cinquanta ammalati. Da 29 giorni, noi denunciamo questa incredibile, impietosa ingiustizia e lo faremo sino a quando il servizio non verrà di nuovo assicurato. Il sindaco di San Martino, questa mattina, ci ha riferito che ha inviato uno dei nostri tanti articoli a Paolo Foti, primo cittadino di Avellino e presidente del comitato ristretto dei sindaci dell’Asl. Lo ha fatto proprio per fargli capire l’urgenza della convocazione del comitato ristretto e di un confronto con il direttore generale Sergio Florio. Il timore, però, è che incombe la pausa estiva e si potrebbe rimandare tutto al prossimo autunno. Ma, per chi soffre non c’è pausa estiva o vacanze al mare o in montagna. C’è solo la determinazione di dover continuare a lottare per non soccombere alla malattia. Chissà dove andrà in vacanza il segretario provinciale del partito democratico Carmine De Blasio. E chissà dove andranno in ferie i due deputati dello stesso partito, Paris e Famiglietti, il senatore Sibilia di Forza Italia, il deputato cittadino Carlo Sibilia, il deputato dell’Udc Giuseppe De Mita, il deputato di Scelta Civica Angelo Antonio D’ Agostino, il deputato di Sel Giancarlo Giordano. E chissà dove andranno a villeggiare i consiglieri regionali Ettore Zecchino, Pietro Foglia, Antonia Ruggiero e Sergio Nappi. E soprattutto chissà se sotto l’ombrellone o all’ombra di un bell’albero in montagna penseranno a chi per curarsi deve arrivare sino ad Avellino. Sei deputati, un senatore e quattro consiglieri regionali non si interessano minimamente di chi soffre. Sono 29 giorni che continua questa vergogna nel più assoluto silenzio di tutti, ma c’è qualcuno che deve vergognarsi più degli altri.

[email protected]