Logo

” Suoniamo la città”, al via la festa della musica del conservatorio di Benevento

17 Giugno 2022

” Suoniamo la città”, al via la festa della musica del conservatorio di Benevento

” Suoniamo la città”, al via la festa della musica del conservatorio di Benevento. “Suoniamo la città” è lo slogan che il Conservatorio Statale “Nicola Sala” di Benevento ha adottato nell’aderire alla Festa Europea della Musica 2022.
Un evento che si tiene il 21 giugno di ogni anno per celebrare il solstizio d’estate in più di 120 nazioni in tutto il mondo.

Al via questa sera

La kermesse musicale prenderà il via questa sera con un appuntamento al Teatro San Vittorino di Benevento, alle 21.00, con il concerto “Violoncelli in Festa” a cura del maestro Gianluca Giganti e proseguirà fino a martedì 21 giugno.
Importanti i numeri, con la presenza di oltre 300 esecutori per 50 concerti e 50 ore di musica.

La musica, dunque, sarà la vera protagonista con l’obiettivo di conquistare la città che sarà coinvolta attraverso 10 location diverse.
Appuntamenti, infatti, sono previsti oltre che al Teatro San Vittorino e nella sede dell’Istituto in via Mario La Vipera, anche a Palazzo Collenea, lungo corso Garibaldi, in piazza Roma, al Teatro San Nicola, al Museo del Sannio, nella chiesa dell’Annunziata, nella chiesa di Santa Maria degli Angeli e nella Basilica della Madonna della Grazie.

Concerti sul territorio

Concerti sul territorio ci saranno anche a Cerreto Sannita e nei centri irpini di Sant’Angelo a Scala e Rotondi.
Gli eventi spazieranno dalla musica antica a quella contemporanea, dai repertori solistici a quelli cameristici, con recital, concerti, performance che coinvolgeranno pianisti, organisti, cantanti, chitarristi, violinisti, violoncellisti, arpiste, flautisti, clarinettisti, oboisti, fagottisti, percussionisti, gli ottoni oltre i corsi di jazz, musica elettronica e composizione, della tradizione classica napoletana e popular music

L’obiettivo sarà quello soddisfare i gusti del variegato pubblico che, ad ingresso libero, vorrà assistere alla manifestazione.
Nel corso della conferenza, il direttore dell’Istituto Giosuè Grassia ha sottolineato proprio la corposità della kermesse musicale che rientra in un circuito, quello europeo, che vede impegnate 773 città, coinvolgendo oltre 36mila artisti.

Kermesse all’insegna della sostenibilità ambientale

La manifestazione avrà come tema “Recovery Sound & Green Music Economy”, sarà cioè all’insegna della sostenibilità ed a favore dell’ambiente.
Inoltre, l’edizione 2022 è dedicata a David Sassoli, compianto presidente del Parlamento europeo, per il quale la cultura e l’ambiente sono sempre state delle priorità.
Tra gli appuntamenti, Grassia ha voluto evidenziare il talk che ci sarà sabato 18 giugno, alle 18.30, nella Sala Bonazzi dell’Istituto con Giuseppe Di Giugno, fisico e inventore partenopeo, conosciuto per aver creato diversi prototipi di sintetizzatori digitali che nel 1979 hanno dato origine al sistema “4X”, considerato la prima stazione di lavoro musicale interamente digitale per la sintesi e l’analisi del suono digitale in tempo reale.

Ha voluto ricordare l’apertura per una visita al Palazzo degli Scolopi in piazza Piano di Corte che è in programma sabato 18 giugno nonché esprimere apprezzamento per i docenti e gli studenti che si sono impegnati per la buona riuscita dell’evento, non mancando un particolare ringraziamento al maestro Giuseppe Ilario.
Dopo l’intervento del maestro Claudio Gabriele, in rappresentanza dei docenti dell’Istituto, la parola è passata al presidente Caterina Meglio, presente da remoto.
Questi ha voluto evidenziare gli enormi sforzi compiuti affinché, in poco tempo, si potesse realizzare la manifestazione.
Una sorta di rilancio, dopo la pandemia, che viene offerto a docenti e studenti per poter dimostrare il loro valore e le loro capacità.

Memoria del maestro Aldo Bassi

Nel ricordare l’appuntamento in memoria del maestro Aldo Bassi, già docente del “Nicola Sala” e scomparso due anni fa, che ci sarà sabato 18 giugno alle 20.00 in piazza Roma, Meglio si è detta sicura della buona riuscita della manifestazione e della bravura dei ragazzi che si esibiranno.
La chiusura della conferenza è stata affidata ai rappresentanti della Consulta degli Studenti, presente con il presidente Angelo Cioffi, il suo vice Mattia Luciano e con Rachele Di Vaia.
Cioffi ha voluto ringraziare il Conservatorio per l’opportunità fornita, sottolineando come la Festa venga attesa con grande trepidazione dai ragazzi che hanno così l’opportunità di avere un contatto diretto con il pubblico.