Quantcast

Valle Caudina: domani la Campania in zona gialla, nei fine settimana si torna in arancione

Valle Caudina: domani la Campania in zona gialla, nei fine settimana si torna in arancione. Il Governo prepara il nuovo decreto che andrà in vigore dal 15 gennaio.
di redazione
2 mesi fa
10 Gennaio 2021

Valle Caudina: domani la Campania in zona gialla, nei fine settimana si torna in arancione. Il Governo prepara il nuovo decreto che andrà in vigore dal 15 gennaio. La pandemia non molla la presa e per questo motivo  dovrebbero essere, infatti, confermati nel decreto i week end arancioni in tutta Italia.

Bar e ristoranti chiusi nei fine settimana

Ma ci saranno gli spostamenti liberi nel proprio comune, negozi aperti, e bar e ristoranti invece chiusi per tutta la giornata, con il blocco tra regioni. Mentre resterà a deroga che consente a chi abita nei Comuni con un massimo di 5mila abitanti di spostarsi, ma solo in un raggio di 30 chilometri e senza andare nei capoluoghi di provincia. In vigore ancora il coprifuoco dalla 22 alle 5 del mattino.

Per la Campania, da domani in zona gialla, ci sarà possibilità di pranzare nei ristoranti e rimanere nei bar fino alle 18, poi solo asporto, ovviamente ad eccezione dei weekend.

Zone bianche

Allo studio del Governo anche la possibilità di istituire “zone bianche” nelle aree del Paese con Rt sotto lo 0,5. Si va verso un nuovo slittamento per l’apertura di musei, teatri, cinema, oltre a piscine e palestre, anche se in quest’ultimo caso Cts e Spadafora stanno provando a trovare un’intesa almeno per le lezioni individuali.

Conte

Giuseppe Conte dovrà confrontarsi con il Parlamento inoltre la proroga dello Stato di emergenza, per ora valido fino al 31 gennaio. L’ipotesi già peraltro fatta trapelare dal premier nella conferenza stampa di fine anno potrebbe essere quella di arrivare fino al 31 marzo.

Valle Caudina: domani la Campania in zona gialla, nei fine settimana si torna in arancione

Questa data  si ripete nel Milleproroghe in molti provvedimenti collegati proprio allo Stato d’emergenza) oppure addirittura al 31 luglio. Queste le novità più importanti del nuovo Dpcm, con la speranza che non si assista ad un aumento dei contagi. Tutte le valutazioni saranno fatte entro il 15 gennaio. Domani inizia una settimana decisiva per il paese.

Temi di questo post