Cronaca

Si continua a morire di covid in provincia di Avellino

Si continua a morire di covid in  provincia di Avellino

Si continua a morire di covid in provincia di Avellino. Purtroppo, mentre si svuotano i reparti, si muore ancora di covid presso l’azienda ospedaliera San Giusppe Moscati di Avellino.È deceduto questa mattina, nella terapia subintensiva del Covid Hospital dell’Azienda Moscati, un paziente di 71 anni di Montoro (Av), ricoverato dall’8 maggio.

Dimissioni

Nella giornata di ieri sono stati dimessi 5 pazienti, 4 dei quali ricoverati nel plesso di Solofra e uno al Covid Hospital: un 33enne, un 75enne e una 72enne di Cervinara (Av), un 47enne di Nusco (Av) e un 45enne di Bologna. Al momento, presso l’Azienda Moscati risultano ricoverati 25 pazienti: 16 al Covid Hospital (7 dei quali in terapia intensiva) e 9 nel plesso ospedaliero di Solofra.

Cervinara: consegna card vaccinali

Prosegue al comune di Cervinara la consegna della Card di Attestazione vaccino. Il Sindaco Caterina Lengua comunica che, tutti coloro che hanno ricevuto dall’Asl il relativo messaggio e non hanno ancora ritirato la Card, potranno farlo nei giorni di giovedì 26 e venerdì 27 maggio, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 presso la ex Sala consiliare, sita in Piazza Trescine.

Vaccini: open day a Bucciano per over gli 50

Open day di vaccinazione per gli over 50 a Bucciano. Lo comunica il sindaco Domenico Matera. L’Open Gay partirà venerdì 28 maggio, alle ore 9,00, presso il Santuario della Madonna Del Taburno. Ad organizzare l’Open Day, l’Azienda Sanitaria Benevento e verranno somministrati i vaccini Johnson e Johnson & Johnson. Vi potranno partecipare tutti i residenti in provincia di Benevento.

Vaccini: open day a Bucciano per over gli 50

Continuano le guarigioni dei positivi all’interno della nostra comunità. Lo fa sapere il sindaco di Cervinara Caterina Lengua. Altri 2 nostri concittadini sono risultati negativi al tampone di controllo, così ponendo fine alla condizione di isolamento domiciliare del loro nucleo familiare che era stato interamente contagiato.

Accogliamo con la dovuta cautela peraltro la notizia che anche oggi l’Asl non ha riscontrato nuovi casi di positività. Il numero delle persone positive scende ulteriormente ed è ora di 3, conclude  il  Sindaco Lengua.

Aggressione al bimbo di Cervinara, parlano i giovani

Cervinara, aggressione ad un bambino. Parlano i giovani della Valle: “siamo sconvolti” Ennesimo episodio di violenza tra i giovanissimi di Cervinara A subire il feroce assalto e anche l’umiliazione di essere filmato è stato un bambino cervinarese di appena 10 anni.

Preso di mira

Il ragazzino veniva  da tempo preso di mira da un gruppo di coetanei. Malmenato e tormentato con frequenza, era costretto a rinunciare ai soldi della sua paghetta per offrirli ai teppisti.

Il video pubblicato dal nostro giornale in accordo con i genitori, parla chiaro. La vittima veniva  accerchiata e picchiata anche dopo essere caduta per terra. Immagini che fanno rabbrividire, ma soprattutto riflettere

Indignazione

A vedere certe scene si prova indignazione, disgusto e rabbia. Cosa spinge degli undicenni a ricorrere ad un’aggressività ingiustificata? Qual è il momento in cui noi adulti li perdiamo? Le ipotesi del gesto secondo i giovani della Valle: l’incapacità genitoriale

Tiriamo fuori il coraggio necessario per fronteggiare l’innegabile evidenza dell’accaduto. Se ad 11 anni un bambino trova nella violenza la sua fonte di piacere, nella minaccia la sua brama di potere e nel ricatto il suo punto di forza, qualcosa non funziona.

Le preccupazioni

All’età di 11 anni la preoccupazione più grande di un bambino dovrebbe essere non prendere un’insufficienza a scuola, e il suo più grande desiderio incontrare il suo calciatore preferito. È fondamentale per un genitore seguire con attenzione la crescita del figlio.

Insegnargli l’educazione, il rispetto e il buonsenso. Ascoltarlo e comprenderlo lenendo ogni suo malessere, scongiurando che tenti di liberarsene con modalità tossiche e fuorvianti. Secondo un giovane di Cervinara, la mancanza di autorità genitoriale è la causa scatenante di atti brutali come quello ai danni del bambino di 10 anni.

Seconda ipotesi: assenza di sensibilizzazione sul bullismo Un evento del genere lascia pochi dubbi. Si tratta di  un chiaro e tangibile episodio di bullismo. Secondo un giovane di Airola, per evitare il verificarsi di situazioni analoghe, ci sarebbe bisogno di spiegare ai bambini in che modo e in quale misura è opportuno rapportarsi tra di loro.

Spiegare il perchè è sbagliato fare una battuta infelice su un ragazzino in sovrappeso e perché è giusto difenderlo se gli altri lo deridono. Bisognerebbe educare i bambini all’armonia di gruppo.

I lockdown

Terza ipotesi: le conseguenze psicologiche dei vari lockdown La terza tesi di un giovane di Montesarchio sarebbe addirittura riconducibile alle numerose quarantene che abbiamo vissuto.

I bambini si sarebbero sentiti talmente imprigionati e repressi in loro stessi da manifestare il loro disagio attraverso il primordiale e mostruoso istinto della natura umana: la violenza.

Naturalmente non abbiamo nessuna certezza sul reale motivo dell’accaduto. Possiamo solo impegnarci ad assistere i nostri ragazzi al massimo delle nostre possibilità e sperare che eventi del genere non siano destinati a ripetersi.

Giovanna Casale

Sbanca il Gratte e Vinci, vince due milioni di euro al centro commerciale
centro commerciale
Sbanca il Gratte e Vinci, vince due milioni di euro al centro commerciale
Giusy Ferreri sotto le stelle di Cervinara
cervinara
Giusy Ferreri sotto le stelle di Cervinara

ilcaudino.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it